Recupero crediti stragiudiziale

RINTRACCIO DEBITORE

Recuperare un credito, nel pieno rispetto della legge, comporta un approccio metodologico finalizzato al superamento di molteplici problematiche, il primo passo consiste in una fase preliminare di studio della posizione e ricerca di informazioni utili al fine del rintraccio del debitore o alla definizione della sua situazione economico patrimoniale.


FASE OPERATIVA

La fase operativa è quella decisiva e si esplica attraverso solleciti cartacei iniziali, il successivo intervento telefonico dei nostri phone collector e infine l’azione più incisiva, l’intervento dei nostri funzionari esattivi, presenti in tutta Italia, i quali stabiliscono il contatto diretto in loco con il debitore.


DEFINIZIONE PRATICA

Il buon esito dei colloqui telefonici ed esattivi si deve alla competenza del nostro personale costantemente formato e monitorato secondo il codice di condotta UNIREC per i processi di gestione e tutela del credito. Le argomentazioni devono risultare chiare, fondate e convincenti; le soluzioni avvertite come adeguate, mirate, praticabili. Tutto ciò permette di individuare le migliori modalità per ottenere il recupero delle somme attraverso pagamenti e piani di rientro sostenibili.


DIFFIDA LEGALE

L’ultima fase della lavorazione prevede l’invio di una diffida legale e il successivo e tempestivo sollecito telefonico effettuato direttamente dai nostri legali convenzionati che tentano di mediare o convincere la controparte talvolta in difficoltà.


DURATA

L’attività ha una durata massima di 90 giorni e può essere seguita direttamente accedendo al nostro sito. In caso di risultato negativo verrà inviata una relazione motivante le ragioni del mancato recupero.


PORTATA A PERDITA

La relazione di cui sopra è stata riconosciuta anche dall’Agenzia delle Entrate, con l’emanazione della Circolare n.26/E del 1 agosto 2013, con valore probatorio utile ai fini della deducibilità delle perdite su crediti.