home collection

L’esazione domiciliare nel recupero crediti stragiudiziale

Quando si parla di recupero crediti la figura dell’esattore viene percepita storicamente con accezione negativa, soprattutto se inquadrata dal punto di vista del Debitore, magari un privato, che in un momento di difficoltà si vede una persona piombare in casa pretendendo dei soldi che questo non possiede. Se si torna indietro di qualche decina d’anni anche l’approccio degli esattori verso il debitore veniva immaginato, e forse in parte a ragion veduta, di tipo aggressivo ed intimidatorio.

Con l’evoluzione del mercato del recupero crediti, la professionalizzazione delle società più strutturate ed il lavoro delle Associazioni di categoria (vedi UNIREC) insieme a quelle di Tutela del Debitore, questa concezione sta lentamente sbiadendo, lasciando spazio al vero ruolo che le società di recupero crediti svolgono costantemente, e cioè quello di mediatore tra Creditore e Debitore.

Se poi ci si sofferma sull’esazione domiciliare è sicuramente da sottolineare come non siano tutte le società di recupero a fornire questa fase del ciclo di gestione. L’attività stragiudiziale infatti è composta da diverse fasi che vanno dal sollecito epistolare a quello telefonico per poi concludere con appunto l’esazione domiciliare. Per poter svolgere quest’ultimo step è facile intuire come un fattore decisivo sia quello del capitale umano. Per poter delineare una fase di field collection è infatti necessaria una rete di esattori sul territorio con competenze di mediazione e capacità empatiche ed una formazione sia tecnica che etica. Questo vale ovviamente sia per il recupero crediti svolto su privati che quello su aziende in quanto l’interlocutore aziendale sottostà alle regole della psiche umana essendo esso stesso una persona con i relativi risvolti psicologici ed emozionali, se pur limati dalla presenza dell’azienda nel mezzo.

Ma quali sono i vantaggi dell’esazione domiciliare per il Creditore? Per rispondere a questa domanda ovviamente bisogna intanto differenziare le tipologie di credito e definire quando questo sia effettivamente necessario. Il fattore principale che entra in gioco nella scelta è sicuramente quello del valore della posizione debitoria, oltre a quello della tipologia di Debitore e dell’anzianità del credito. Soprattutto in ambito aziendale e quindi nel recupero crediti commerciali, su posizioni di valore medio e medio alto, un ciclo stragiudiziale completo è sicuramente in grado di ottenere delle performance sensibilmente più alte rispetto alla sola phone collection. La mediazione e la proposta di una soluzione bonaria con le opzioni di saldo e stralcio o rateizzazione del credito sono infatti delle metodologie che telefonicamente hanno degli esiti chiaramente più variabili, senza considerare il discorso reperibilità che, una volta svolte le indagini preliminari di rintraccio, diventa più facilmente confermabile sul campo rispetto all’aggancio telefonico.

L’esazione domiciliare per concludere è sicuramente un’attività che rende il recupero stragiudiziale completo e di qualità; questa da sola ovviamente perde il suo valore effettivo in quanto nell’attività professionale di recupero crediti ogni fase è interrelata con le altre e solo un lavoro coordinato permette un aumento delle performance finali. Inoltre la possibilità di attuare la fase di esazione per una società di recupero le permette di personalizzare la gestione di ogni singolo credito a seconda delle necessità del Creditore e della tipologia di posizione creando un vero e proprio funnel (o imbuto) dove mano a mano che si sviluppa il ciclo di gestione dei crediti insoluti entrano in gioco le diverse tipologie di azione stragiudiziale. Questa soluzione permette di non standardizzare mai l’attività ma categorizzarla in principio e rimodulare in itinere le modalità di approccio.

Scopri il ciclo di recupero stragiudiziale di One.