Il Credito nel settore abbigliamento: i rischi all’interno della filiera

Se si prende il settore Abbigliamento come unione dei comparti tessile, moda e accessori i dati del 2017 hanno visto un miglioramento importante dal punto di vista economico con un +3,2% rispetto all’anno precedente ed un fatturato complessivo di circa 94,2 miliardi di euro con un + 5,2% delle esportazioni. Dal punto di vista del numero di aziende presenti nel mercato si riscontra poi una lieve contrattura, passando dalle 67.375 del 2016 alle 66.751 del 2017, ma al contrario aumenta il numero di dipendenti impiegati se pur leggermente (+01%), con quindi una crescita media in termini di addetti per impresa.

Anche dal punto di vista della gestione dei pagamenti il settore Abbigliamento fa riscontrare dei risultati intorno alla media nazionale, se considerato nel complesso. La media dei tre comparti (Produzione, Ingrosso, Dettaglio) vede un 35,7% di aziende che pagano nei termini prefissati le proprie fatture contro il 35,6% della media delle imprese italiane; al contrario risultano cattivi pagatori con ritardi oltre i 30 giorni dalla scadenza il 12,9% delle aziende dei tre comparti contro il 12% di quelle a livello nazionale.

All’interno del macro-settore è però possibile fare una suddivisione per posizione delle imprese nella filiera differenziando quindi le imprese industriali e dedite alla produzione da quelle del commercio all’ingrosso fino all’ultimo anello, e da quelle dei commercianti al dettaglio. Partendo a monte vediamo come la Produzione, suddivisa nei comparti dell’industria tessile, industria della pelle e di abbigliamento e altri prodotti tessili, abbia delle performance decisamente migliori degli altri due gruppi con una percentuale di buoni pagatori che arriva al 40,2%; anche la percentuale delle aziende che pagano con ritardi sopra i 30 giorni risulta essere migliore rispetto alla media nazionale con il 9,4% sul totale.

Se andiamo invece a vedere i dati relativi al commercio di abbigliamento la situazione peggiore in entrambe i due canali di distribuzione (ingrosso e dettaglio) con il 14,3% di aziende con ritardi gravi per la prima categoria e 15,2% per la seconda. Per contro le imprese virtuose che ottemperano ai loro debiti nei tempi prestabiliti sono sotto la media nazionale con un 34,4% per i grossisti ed un 32,5% per i commercianti al dettaglio. Per chiudere con un ultimo dato il record sui ritardi gravi lo fanno segnare i commercianti al dettaglio di abbigliamento per bambini che arrivano ad un 19,8% di cattivi pagatore sul totale (Fonte Cribis 2017).

Questi dati che vanno in peggioramento discendendo la filiera dell’abbigliamento sono una fotografia interessante del rischio di credito, soprattutto per gli operatori del settore stesso che si trovano all’interno del circuito. E’ facile intuire infatti come l’industria tessile presa nel suo complesso possa andare incontro a problemi di insoluti importanti con una situazione di maggiore di difficoltà dei canali di distribuzione, qualsiasi sia il canale di vendita selezionato dall’impresa. E’ intrinseco quindi come le aziende produttrici e quelle del canale all’ingrosso abbiano necessità di una gestione degli insoluti sulle aziende commerciali strutturata. Il recupero crediti commerciali presenta delle caratteristiche differenti da quello più standardizzato verso i privati; sono però solo il 10% sul totale le società specializzate nel recupero che si occupano di crediti commerciali, con conseguente specializzazione in alcuni settori specifici ed un relativo miglioramento delle performance di recupero sui crediti affidati. La specializzazione nel settore tessile permette infatti di avere delle conoscenze del mercato e soprattutto delle aziende creditrici e debitrici al suo interno, fattore che porta ad una gestione personalizzata di ogni posizione a seconda

Scopri i partner di One nel settore Tessile.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *