Phone Collection o Home Collection? Le differenze nel recupero crediti

Le società specializzate nel recupero crediti in Italia sono circa 1500; all’interno di queste circa 200 risultano iscritte ad Unirec (Unione Nazionale Imprese a Tutela del Credito) e coprono però circa l’80% del mercato del recupero crediti con quasi 20.000 addetti dedicati. E’ facile intuire da questi numeri come una percentuale decisamente alta di Agenzie di Recupero Crediti siano composte da pochi addetti o dal singolo Imprenditore che svolge attività trasversali contro le società più strutturate che possiedono dei team specializzati sulle diverse fasi e attività legate al comparto.

Altra caratteristica importante del settore è la specializzazione delle società per tipologia di crediti gestiti; orientativamente circa il 90% delle agenzie si occupano principalmente di crediti relativi al settore finanziario ed a quello di Utilities e Telecomunicazioni che hanno come caratteristica principale, soprattutto per le ultime due categorie, posizioni creditizie di valore basso e con un’anzianità breve.
Il restante 10% delle società sono specializzate nel cosiddetto recupero crediti commerciali e perciò nella gestione dei crediti derivanti da rapporti commerciali tra aziende, fondamentalmente per crediti di fornitura diventati poi insoluti. La caratteristica di questi crediti è la dimensione delle posizioni relativamente più alta rispetto ai crediti “privati” e con un’anzianità anch’essa mediamente più alta.

Mentre la differenziazione  per valore delle posizioni è facilmente intuibile a seconda della tipologia di soggetti che diventano insolventi e  dei relativi prodotti/servizi correlati (es: Bolletta Luce di Privato vs Fornitura di materiale per Produzione di Azienda), l’anzianità di queste posizioni è data più che altro dalle tempistiche di reazione dei Creditori che se per le Utilities per esempio si aggira tra i 40 e i 60 giorni, per le Imprese può arrivare purtroppo anche ai 180 giorni dalla data di scadenza fattura.

La specializzazione di una piccola percentuale delle società nel recupero crediti commerciali è ovviamente data dal mercato, il quale vede quasi il 91%  dei crediti affidati appartenenti alle categorie Finanziario/Utilities/Telco, caratterizzate da un numero elevato di Clienti. E’ implicito anche che l’attività svolta  è sicuramente più strutturata nella seconda tipologia di crediti.

La phone collection,  e quindi il sollecito telefonico con relativo tentativo di risoluzione bonaria del credito, è la prima fase operativa dopo il primo sollecito epistolare, e sicuramente imprescindibile in un processo di collection stragiudiziale. Nel recupero della prima categoria descritta di crediti questa è però spesso anche l’unica attività messa in atto dalle agenzie di recupero, le quali, vista la dimensione delle singole posizioni, mettono in atto un processo rapido e snello che cercherà di ottimizzare costi e benefici.

La home collection, o esazione domiciliare, è invece un’attività sicuramente più strutturata, nella quale entra in gioco una figura, come quella dell’esattore, che diventa inoltre un negoziatore di crediti problematici, e che viene messa in campo dalle società specializzate appunto nei crediti commerciali, nel quale il rapporto diretto con il Debitore e l’analisi della singola posizione diventa fondamentale.

Per questa ragione è indispensabile, nella fase di affidamento dei propri crediti insoluti, conoscere le proprie esigenze ed i possibili strumenti attuabili, per evitare di limitare l’attività a degli step poco incisivi. All’interno di un portafoglio crediti di un’impresa saranno poi sicuramente presenti crediti di diversa dimensione e anzianità, per cui avere a disposizione un partner nella fase di recupero con degli strumenti personalizzabili a seconda della situazione diventa imprescindibile per ottimizzare i costi e migliorare le performance di recupero.

 

Richiedi informazioni sul recupero crediti commerciali ONE.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *